Sentiero delle Sorline e Lago Moro

Sentiero delle Sorline e Lago Moro

Partenza e arrivo al B&B "In Contrda del Re" - Angolo Terme

Lunghezza del percorso:
anello di 6.23 Km

Tempo: ore 2 circa a piedi
Diffioltà: adatto a tutti con scarpe comode


Profilo Altimetrico

Partenza:
m. 413

Quota massima: m. 520
Quota minima: m. 383
Image

Dalla Contrada si prosegue verso il Santuario di S. Silvestro. Poco dopo, alla fine della grande curva si prende a sinistra una comoda strada con fondo in cemento che introduce al bosco. Un solo consiglio: seguite la strada nonostante i frequenti innesti di sentieri e stradine. I pannelli  segnavia vi aiuteranno nel percorso. Il primo da seguire, quello nell’immagine sotto.

Siamo in località Pezzone. Lasciamo  sulla destra una azienda agricola che produce e vende prodotti caseari.  Si prosegue in salita attraversando la località Pelacc  fino a Vallacorte. Troviamo il secondo segnavia che ci indica due possibilità. Tenete la sinistra. La  strada costeggia una recinzione che contiene animali da cortile di vario genere: galline, oche, tacchini ecc. In prossimità dell’aia, vi sono le abitazioni delle famiglie residenti. Si prosegue in salita per pochi metri fino quando trovate un bivio sulla destra in prossimità del quale c’è un Crocefisso. Continuate a sinistra senza mai cambiare strada e una leggera salita vi introduce in località Gioldi. Ad un  certo punto, in prossimità di uno slargo il terzo segnavia ci indica di andare a  destra.

Seguite il segnavia in leggera salita. La strada si alza velocemente fino a spianarsi nei pressi di una radura. Continuate a sinistra seguendo la strada in terra battuta fino allo scollinamento. Qui si apre uno splendido scenario sulle Sorline con le sue caratteristiche cascine e prati coltivati. Se avete la fortuna di trovare una giornata limpida potrete in punti diversi scorgere il Lago Moro con il Lago d’Iseo in lontananza.

Il sentiero comincia a scendere, attraversando una breve passerella di legno per favorire il transito. In questo tratto il percorso è accompagnato da una folta vegetazione di radica. Il sentiero riaprendosi poi alle cascine e ai terrazzamenti, riprende sulla caratteristica mulattiera. La strada comincia ad abbassarsi verso il lago fino a spianarsi in prossimità di ampi terrazzamenti con frutteti e uliveti. Costeggiate le coltivazioni fino ad incontrare da destra la strada che giunge da Angolo. Si congiungono in prossimità del Centro Didattico G. Gaioni.

A questo punto dovete scendere a sinistra e seguire la strada asfaltata che porta a Capo di Lago. Subito dopo il primo tornante, inizia una zona a traffico limitato, con accesso  riservato a pedoni e biciclette. Sulla destra un ampio piazzale accoglie una attività equestre: Il Moro a Cavallo e una ristorazione: La Cüna del Lac.

La strada la strada continua a scendere in modo deciso e sulla destra scorgiamo costantemente il lago, mentre sulla sinistra potrete apprezzare delle cascine molto caratteristiche. Al termine della discesa, una breve divagazione a destr vi permettere di raggiugere il caratteristico porticciolo in riva del lago. Continuando si raggiunge invece il Borgo di Capo di Lago.

Edicola Votiva Carboné

Edicola Votiva Carboné

Segnavia Borgo lago

Segnavia Borgo lago

Segnavia

Segnavia

Chiesa San Silvestro

Chiesa San Silvestro

Chiesa San Apollonia

Chiesa San Apollonia

Borgo Capo di Lago

Borgo Capo di Lago

Attraversate il Borgo e potrete apprezzare la qualità di questo posto  che invita al silenzio e al rispetto. Troverete  a sinistra la storica Osteria di Capo di Lago, superata lal quale entrate sul Sagrato della Chiesa di Santa Apollonia. A sinistra il parcheggio della strada che giunge da Corna. Andate a destra  sul sentiero in direzione del Centro Documentale del Parco del Lago Moro  attrezzato anche con servizi igienici per i visitatori. Seguite verso la riva del lago costituita in questo tratto da un gradevole prato dove è possibile divagarsi  in modo piacevole.  Nel periodo estivo la balneazione è l’attività ricreativa più diffusa,  garantita anche dalla buona qualità dell’acqua. 

Il sentiero costeggia brevemente il lago fino  a giungere al  luogo di attracco delle barche dei pescatori. Al segnavia a bordo lago tenete la sinistra. Inizia in salita un sentiero scalinato che in breve tempo si alza rispetto al lago. Di li a poco il sentiero si spiana nei pressi di uno slargo e lascia il posto ad una comoda mulattiera.  Proseguite  a destra, pianeggianti. La strada continua fino ad incontrare la mulattiera che proviene da Bessimo. Siete in località Rodino e continuate a destra su una larga sterrata che tagliando a mezza costa offre un panorama veramente pregevole  sul  Lago Moro.  

Dopo aver passato la località Scraleca, la strada giunge a Carboné dove, in prossimità di una Edicola Votiva si incontra con quella carrozzabile che proviene da Capo di Lago. A questo punto teniamo la sinistra verso  Bedosco. Quando si incontra la strada carrozzabile che porta ad Anfurro, la attraversate e tenete la destra in discesa verso il Ris de  la Sal. Da li, in pochi minuti vi ricongiungete con la Contrada del Re.